Differenze tra le versioni di "Graminea"

Da WikiBotanica.
(Come si presenta)
(Come si presenta)
 
(9 versioni intermedie di un altro utente non mostrate)
Riga 11: Riga 11:
 
<!-- PER LE PIANTE: -->
 
<!-- PER LE PIANTE: -->
 
|superdivisione=
 
|superdivisione=
|divisione=[[Magnoliophyta]]
+
|divisione=Magnoliophyta
 
|sottodivisione=
 
|sottodivisione=
  
Riga 43: Riga 43:
 
|sinonimi?=
 
|sinonimi?=
 
|sinonimi=
 
|sinonimi=
|nomicomuni=
+
|nomicomuni=Giaggiolo susinario
 
|suddivisione=
 
|suddivisione=
 
|suddivisione_testo=
 
|suddivisione_testo=
Riga 54: Riga 54:
  
 
===Come si presenta===
 
===Come si presenta===
 +
[[file:Irisgr.png|thumb|left|Morfologia del fiore (clicca per ingrandire)|300px]]
 
L' ''Iris graminea'' è una pianta perenne rizomatosa, dall'aspetto singolare.
 
L' ''Iris graminea'' è una pianta perenne rizomatosa, dall'aspetto singolare.
  
Le '''foglie''' sono graminiformi, lineari  e sono piuttosto lunghe (fino a 30-60 cm), sempre più dello scapo fiorale. Sono ripiegate longitudinalmente lungo il nervo mediano, e le due metà aderiscono, soprattutto nella parte inferiore, allo stelo, proprio come le pagine di un libro ; l'apice è acuminato. Le foglie, inoltre, si dipartono direttamente dal '''rizoma''' orizzontale, che è legnoso e piuttosto scuro, e ha un diametro di un paio di centimetri, al più.
+
Le '''foglie''' sono graminiformi, lineari  e sono piuttosto lunghe (fino a 30-60 cm), sempre più dello [[Strutture vegetali#S|scapo]] fiorale. Sono ripiegate longitudinalmente lungo il nervo mediano, e le due metà aderiscono, soprattutto nella parte inferiore, allo [[Strutture vegetali#S|stelo]], proprio come le pagine di un libro; l'apice è acuminato. Le foglie, inoltre, si dipartono direttamente dal [[Strutture vegetali#R|'''rizoma''']] orizzontale, che è legnoso e piuttosto scuro, e ha un diametro al più di un paio di centimetri.
  
Il '''fusto''', semplice e eretto, è poco ramoso, e presenta all'estremità uno o due '''fiori''' solitari. Quest'ultimo è sostenuto da un peduncolo, avvolto da una spata erbacea, sottile e trasparente; all'estremità del peduncolo è inserito il perigonio, che si compone di un breve tubulo, di tre tepali interni e tre esterni. Prima che il fiore sbocci, i tepali sono avvolti su se stessi; successivamente, invece, il fiore si apre, assumendo così il curioso aspetto che lo caratterizza. Le tre lacinie esterne, di colore blu violaceo, sfumate di bianco ai lati, presentano una stretta unghia a forma di cucchiaio, biancastra con venature violette e giallina al centro. I tre tepali interni, invece, sono più piccoli e rivolti verso l'alto; il loro colore è viola più intenso, senza sfumature. Al centro di questi ultimi si nota l'apparato riproduttore del fiore: gli stimmi e i tre stami.
+
Il [[Strutture vegetali#F|'''fusto''']], semplice e eretto, è poco ramoso, e presenta all'estremità uno o due '''fiori''' solitari. Il fiore è sostenuto da un [[Strutture vegetali#P|peduncolo]], avvolto da una [[Strutture vegetali#S|spata]] erbacea, sottile e trasparente; all'estremità del peduncolo è inserito il [[Strutture vegetali#P|perigonio]], che si compone di un breve tubulo, di tre [[[Strutture vegetali#T|tepali]] interni e tre esterni. Prima che il fiore sbocci, i tepali sono avvolti su se stessi; successivamente, invece, il fiore si apre, assumendo così il curioso aspetto che lo caratterizza. Le tre [[Strutture vegetali#L|lacinie]] esterne, di colore blu violaceo, sfumate di bianco ai lati, presentano una stretta unghia a forma di cucchiaio, biancastra con venature violette e giallina al centro. I tre tepali interni, invece, sono più piccoli e rivolti verso l'alto; il loro colore è viola più intenso, senza sfumature. Sovrapposti ai tepali esterni si osservano gli stimmi petaloidi, anch'essi viola, sotto i quali sono nascoste le [[Strutture vegetali#A|antere]], così come si osserva nell'[[Pseudacorus|''Iris pseudacorus'']].
  
I '''frutti''' sono delle capsule ellittiche formata da tre valve, contenente i semi.
+
I '''frutti''' sono delle capsule ellittiche formata da tre valve, contenenti i semi.
  
 
===Habitat===
 
===Habitat===
L' ''I.graminea'' cresce soprattutto nei pascoli e nei boschi prealpini, nei luoghi ombrosi e freschi, in zona montano collinare. Predilige terreni calcarei, anche non particolarmente ricchi d'acqua.
+
L' ''Iris graminea'' cresce soprattutto nei pascoli e nei boschi prealpini, nei luoghi ombrosi e freschi, in zona montano collinare. Predilige terreni calcarei, anche non particolarmente ricchi d'acqua.
 
 
  
 
===Fioritura===
 
===Fioritura===
Fiorisce tra maggio e agosto.
+
Fiorisce tra Maggio e Agosto.
 
 
  
 
===Particolarità e curiosità===
 
===Particolarità e curiosità===
 
{{Avvertenze}}
 
{{Avvertenze}}
Il nome del genere, ''Iris'' deriva dal greco, e significa "arcobaleno", a causa delle bellissime sfumature di colore dei tepali di queste piante. Nella mitologia greca, Iris era la messaggera degli Dei, che scivolando sull'arcobaleno, giungeva sulla terra e prendeva le anime dei morti per accompagnarle nell'Aldilà. L'arcobaleno, non a caso, prende il nome proprio da lei.  
+
Il nome del genere, ''Iris'', deriva dal greco e significa "arcobaleno", nome legato alle bellissime sfumature di colore dei tepali di questa specie.  
L'''Iris'', inoltre, è stato il fiore preso da spunto per disegnare lo stemma araldico di Firenze; ciascuno dei tre tepali interni, ha un particolare significato: rispettivamente fede, saggezza e coraggio.
+
 
Un'ultima curiosità: il nome scientifico della specie, ''graminea'', fa riferimento alla forma delle foglie, graminiformi, appunto; il nome volgare, invece, "giaggiolo susinario", invece, è dovuto al particolare profumo dei fiori, simile a quello delle susine mature.
+
Nella mitologia greca, Iris era la messaggera degli Dei: scivolando sull'arcobaleno, giungeva sulla terra e prendeva le anime dei morti per accompagnarle nell'Aldilà.  
 +
L'''Iris'', inoltre, è stato il fiore preso da spunto per disegnare lo stemma araldico di Firenze; ciascuno dei tre tepali interni, infatti,  ha un particolare significato, rispettivamente fede, saggezza e coraggio.
 +
Un'ultima curiosità: il nome scientifico della specie, ''graminea'', fa riferimento alla forma delle foglie, graminiformi, appunto (cioè simile a quelle delle graminaceae, lunghe e con una carenatura centrale); il nome volgare, invece, "giaggiolo susinario", è dovuto al particolare profumo dei fiori, simile a quello delle susine mature.
  
 
'''NB''': la specie è protetta in tutto il territorio della Provincia di Varese con divieto assoluto di raccolta.
 
'''NB''': la specie è protetta in tutto il territorio della Provincia di Varese con divieto assoluto di raccolta.
Riga 82: Riga 83:
  
 
<center>
 
<center>
<gallery caption="Iris graminea" widths="130px" heights="100px" perrow="1" align=center style= "color: darkslategray;background:#f5fff8;font-family:garamond;font-size:1.2em;font-weight: normal;text-align:left;font-style: italic;letter-spacing: 1px;border:10px double lightgray;  border-top-right-radius:.8em; border-top-left-radius:.8em; border-bottom-left-radius:.8em; border-bottom-right-radius:.8em; cellspacing= 30px;padding: 20px 20px 30px 20px;">
+
<gallery caption="Iris graminea" widths="130px" heights="100px" perrow="2" align=center style= "color: darkslategray;background:#f5fff8;font-family:garamond;font-size:1.2em;font-weight: normal;text-align:left;font-style: italic;letter-spacing: 1px;border:10px double lightgray;  border-top-right-radius:.8em; border-top-left-radius:.8em; border-bottom-left-radius:.8em; border-bottom-right-radius:.8em; cellspacing= 30px;padding: 20px 20px 30px 20px;">
  
 
image:iris_graminea.jpg
 
image:iris_graminea.jpg
 +
image: P7080084.JPG
  
 
</gallery>
 
</gallery>

Versione attuale delle 17:03, 2 mar 2013

Gaggiolo susinario
Iris graminea.jpg
Fiori di Iris graminea
Classificazione scientifica
Dominio: eucariota
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Liliopsida
Ordine: Liliales
Famiglia: Iridaceae
Genere: Iris
Specie: graminea
Nomenclatura binomiale
Iris graminea
L.
Nomi comuni

Giaggiolo susinario


Iris graminea (L.)

Come si presenta

Morfologia del fiore (clicca per ingrandire)

L' Iris graminea è una pianta perenne rizomatosa, dall'aspetto singolare.

Le foglie sono graminiformi, lineari e sono piuttosto lunghe (fino a 30-60 cm), sempre più dello scapo fiorale. Sono ripiegate longitudinalmente lungo il nervo mediano, e le due metà aderiscono, soprattutto nella parte inferiore, allo stelo, proprio come le pagine di un libro; l'apice è acuminato. Le foglie, inoltre, si dipartono direttamente dal rizoma orizzontale, che è legnoso e piuttosto scuro, e ha un diametro al più di un paio di centimetri.

Il fusto, semplice e eretto, è poco ramoso, e presenta all'estremità uno o due fiori solitari. Il fiore è sostenuto da un peduncolo, avvolto da una spata erbacea, sottile e trasparente; all'estremità del peduncolo è inserito il perigonio, che si compone di un breve tubulo, di tre [[[Strutture vegetali#T|tepali]] interni e tre esterni. Prima che il fiore sbocci, i tepali sono avvolti su se stessi; successivamente, invece, il fiore si apre, assumendo così il curioso aspetto che lo caratterizza. Le tre lacinie esterne, di colore blu violaceo, sfumate di bianco ai lati, presentano una stretta unghia a forma di cucchiaio, biancastra con venature violette e giallina al centro. I tre tepali interni, invece, sono più piccoli e rivolti verso l'alto; il loro colore è viola più intenso, senza sfumature. Sovrapposti ai tepali esterni si osservano gli stimmi petaloidi, anch'essi viola, sotto i quali sono nascoste le antere, così come si osserva nell'Iris pseudacorus.

I frutti sono delle capsule ellittiche formata da tre valve, contenenti i semi.

Habitat

L' Iris graminea cresce soprattutto nei pascoli e nei boschi prealpini, nei luoghi ombrosi e freschi, in zona montano collinare. Predilige terreni calcarei, anche non particolarmente ricchi d'acqua.

Fioritura

Fiorisce tra Maggio e Agosto.

Particolarità e curiosità

Avvertenza
Caduceo.png Le informazioni qui riportate non costituiscono nè provengono da prescrizione o da consiglio medico.

Il nome del genere, Iris, deriva dal greco e significa "arcobaleno", nome legato alle bellissime sfumature di colore dei tepali di questa specie.

Nella mitologia greca, Iris era la messaggera degli Dei: scivolando sull'arcobaleno, giungeva sulla terra e prendeva le anime dei morti per accompagnarle nell'Aldilà. L'Iris, inoltre, è stato il fiore preso da spunto per disegnare lo stemma araldico di Firenze; ciascuno dei tre tepali interni, infatti, ha un particolare significato, rispettivamente fede, saggezza e coraggio. Un'ultima curiosità: il nome scientifico della specie, graminea, fa riferimento alla forma delle foglie, graminiformi, appunto (cioè simile a quelle delle graminaceae, lunghe e con una carenatura centrale); il nome volgare, invece, "giaggiolo susinario", è dovuto al particolare profumo dei fiori, simile a quello delle susine mature.

NB: la specie è protetta in tutto il territorio della Provincia di Varese con divieto assoluto di raccolta.

Immagini

Link

Per approfondire vi consigliamo di leggere la nostra Bibliografia

Torna alla famiglia Iridaceae oppure torna all'elenco delle famiglie