Differenze tra le versioni di "Giardino"

Da WikiBotanica.
Jump to navigation Jump to search
Riga 1: Riga 1:
 
{{header}}
 
{{header}}
Il  Giardino sorge sulla sommità del Parco regionale Campo dei Fiori . E’ dedicato al grande botanico Ruggero Tomaselli , studioso di merito internazionale , che fu sostenitore del Giardino fin dagli inizi. La Signora Giuseppina Tomaselli ha donato tutte le pubblicazioni del marito all’Università di Pavia e alla Cittadella di Campo dei Fiori. Come le altre istituzioni della Cittadella, il Giardino fu ideato nel 1956 dal Gruppo Naturalistico, strenuo propositore della Legge Regionale sui Parchi e sulle Riserve Naturali.
+
Il  Giardino sorge sulla sommità del Parco regionale Campo dei Fiori . E’ dedicato al grande botanico Ruggero Tomaselli, studioso di merito internazionale, che fu sostenitore del Giardino fin dagli inizi. La Signora Giuseppina Tomaselli ha donato tutte le pubblicazioni del marito all’Università di Pavia e alla Cittadella di Campo dei Fiori. Come le altre istituzioni della Cittadella, il Giardino fu ideato nel 1956 dal Gruppo Naturalistico, strenuo propositore della Legge Regionale sui Parchi e sulle Riserve Naturali.
  
 
In media giungono al Giardino 22.000 visitatori all’anno in gran parte scolaresche e comitive che, su appuntamento, effettuano la visita che dura dalle 2 alle 3 ore.
 
In media giungono al Giardino 22.000 visitatori all’anno in gran parte scolaresche e comitive che, su appuntamento, effettuano la visita che dura dalle 2 alle 3 ore.
  
Il macigno porfirico ricorda al visitatore i pionieri della montagna Leopoldo e Maria Zambeletti, genitori della signora Sofia che donò i luoghi. La qualità di "riserva integrale speciale" è un riferimento storico. Il giardino sorse quando la Regione Lombardia non aveva ancora legiferato.
+
Il macigno porfirico ricorda al visitatore i pionieri della montagna Leopoldo e Maria Zambeletti, genitori della signora Sofia che donò i luoghi. La qualità di "riserva integrale speciale" è un riferimento storico. Il giardino sorse quando la Regione Lombardia non aveva ancora legiferato.
  
 
Lungo le fioriere del viale d’accesso principale è collocata la flora del Campo dei Fiori .
 
Lungo le fioriere del viale d’accesso principale è collocata la flora del Campo dei Fiori .
  
 
Poiché la costruzione delle opere territoriali e la conduzione del Giardino si basano su attività di volontariato, fu possibile iniziarne l’opera solo nel 1981 , grazie ad un finanziamento della Direzione Generale Economia Montana e Foreste con la collaborazione del benemerito Corpo Forestale dello Stato ed in massima parte al lavoro manuale dei Soci. La specialità consiste nella tutela integrale degli endemismi locali e contro la contaminazione di specie ruderali o infestanti.
 
Poiché la costruzione delle opere territoriali e la conduzione del Giardino si basano su attività di volontariato, fu possibile iniziarne l’opera solo nel 1981 , grazie ad un finanziamento della Direzione Generale Economia Montana e Foreste con la collaborazione del benemerito Corpo Forestale dello Stato ed in massima parte al lavoro manuale dei Soci. La specialità consiste nella tutela integrale degli endemismi locali e contro la contaminazione di specie ruderali o infestanti.

Versione delle 23:56, 17 set 2011

Template:Header Il Giardino sorge sulla sommità del Parco regionale Campo dei Fiori . E’ dedicato al grande botanico Ruggero Tomaselli, studioso di merito internazionale, che fu sostenitore del Giardino fin dagli inizi. La Signora Giuseppina Tomaselli ha donato tutte le pubblicazioni del marito all’Università di Pavia e alla Cittadella di Campo dei Fiori. Come le altre istituzioni della Cittadella, il Giardino fu ideato nel 1956 dal Gruppo Naturalistico, strenuo propositore della Legge Regionale sui Parchi e sulle Riserve Naturali.

In media giungono al Giardino 22.000 visitatori all’anno in gran parte scolaresche e comitive che, su appuntamento, effettuano la visita che dura dalle 2 alle 3 ore.

Il macigno porfirico ricorda al visitatore i pionieri della montagna Leopoldo e Maria Zambeletti, genitori della signora Sofia che donò i luoghi. La qualità di "riserva integrale speciale" è un riferimento storico. Il giardino sorse quando la Regione Lombardia non aveva ancora legiferato.

Lungo le fioriere del viale d’accesso principale è collocata la flora del Campo dei Fiori .

Poiché la costruzione delle opere territoriali e la conduzione del Giardino si basano su attività di volontariato, fu possibile iniziarne l’opera solo nel 1981 , grazie ad un finanziamento della Direzione Generale Economia Montana e Foreste con la collaborazione del benemerito Corpo Forestale dello Stato ed in massima parte al lavoro manuale dei Soci. La specialità consiste nella tutela integrale degli endemismi locali e contro la contaminazione di specie ruderali o infestanti.