Differenze tra le versioni di "Foetidus"

Da WikiBotanica.
(Particolarità e curiosità)
Riga 83: Riga 83:
 
===Particolarità e curiosità===
 
===Particolarità e curiosità===
  
Come tutti gli ellebori è estremamente tossico. Il principio attivo è essenzialmente l'elleboreina dal sapore prima dolciastro e poi acre. A dispetto del nome (fetido) non è il più tossico del genere, il primato spetta al viridis. Scarsamente usati in farmacologia per l'elevata tossicità che può portare alla morte in pochi minuti.  
+
Come tutti gli ellebori è estremamente tossico. I principi attivi sono essenzialmente gli stessi degli altri componenti della famiglia ''Helleborus'' (come ''H.viridis'' ed ''H.niger''): non a caso questo termine deriva dal greco "elleboros" che ha significato "che uccide", "che consuma"; si capisce bene che gli effetti fisiologici di queste specie sono similissimi.  
 
+
Il termine ''fetido'' fa invece riferimento, chiaramente, al particolare profumo della pianta, profumo che diventa ancora più persistente e fastidioso quando vengono pestate le sue foglie: questo dovrebbe spingere chiunque a stare alla larga da questa velenosissima pianta.
  
 
===Immagini===
 
===Immagini===

Versione delle 15:37, 9 ott 2011

Template:Header

Elleboro
E. fetido2.jpg
Classificazione scientifica
Dominio: eucariota
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Liliopsida
Ordine: Ranuncolales
Famiglia: ranuncolaceae
Genere: Helleborus
Specie: foetidus
Nomenclatura binomiale
Helleborus foetidus
L.
Nomi comuni

elleboro puzzolente

Proprietà Farmacologiche

velenoso


Helleborus foetidus (L.)

Come si presenta

L'H. foetidus è una pianta erbacea perenne.

Ogni anno, dal grosso rizoma nasce un fusto robusto, dal portamento inizialmente strisciante e poi eretto; nella parte inferiore è lignificato e ricoperto da guaine triangolari -che non sono nient'altro se non le vecchie foglie morte.

Ciascuna foglia è divisa in 7-10 segmenti(*) con un picciolo decisamente allungato, di 10-20 cm; ciascuno dei segmenti è lanceolato e leggermente seghettato, dai tre quatti della sua lunghezza, fino all'apice. I 3-4 segmenti laterali sono riuniti alla base, mentre quello centrale è singolo. Il colore della pagina fogliare è più scuro rispetto a quello dell' Helleborus niger.

Sulla sommità del fusto compare una ricca infiorescenza composta da un grande numero di fiori, generalmente da 3 a 15, a forma di campanella, di colore verdastro, screziati talvolta di rosso scuro sul bordo. Guardiamo con più attenzione il fiore dell' H.foetidus. Il calice è la parte più in vista del fiore, ed è composto da 5 sepali petaloidi, ellittici, che si sovrappongono a formare una piccola "scodella" ribaltata; i petali veri e propri, invece, sono nascosti all'interno del calice, trasformati in tubicini nettariferi posti alla base dell'apparato riproduttore. I pochi stami (2-3 in genere) spiccano al centro di un mare di antere gialline. Il fiore è similissimo a quello dell' H. viridis.


(*)Quello che sopra abbiamo definito segmento in apparenza potrebbe essere scambiato per una foglia semplice; bisogna però ricordare che esistono anche foglie composte, formate, cioè, da tante piccole "pseudofoglie" saldate insieme alla base -i segmenti di cui parlavamo prima.


Habitat

Vive ai margini dei boschi, dei cedui e nei luoghi selvatici della penisola, da 0 a 1000 m, occasionalmente fino ai 1800 m. Non ha particolari necessità per quanto concerne la disponibilità di acqua.


Fioritura

Tra Gennaio e Maggio.


Particolarità e curiosità

Come tutti gli ellebori è estremamente tossico. I principi attivi sono essenzialmente gli stessi degli altri componenti della famiglia Helleborus (come H.viridis ed H.niger): non a caso questo termine deriva dal greco "elleboros" che ha significato "che uccide", "che consuma"; si capisce bene che gli effetti fisiologici di queste specie sono similissimi. Il termine fetido fa invece riferimento, chiaramente, al particolare profumo della pianta, profumo che diventa ancora più persistente e fastidioso quando vengono pestate le sue foglie: questo dovrebbe spingere chiunque a stare alla larga da questa velenosissima pianta.

Immagini

Link

Torna alla famiglia Ranuncolaceae oppure torna all'elenco delle famiglie