Differenze tra le versioni di "Pagina principale:Biodiversità"

Da WikiBotanica.
(corretto -moz)
Riga 1: Riga 1:
 
__NOTOC__
 
__NOTOC__
 
__NOTITLE__
 
__NOTITLE__
{{header}}
 
 
<!-- linguette -->
 
<!-- linguette -->
 
{| width=100% cellpadding=0 cellspacing=0  style="background:transparent"
 
{| width=100% cellpadding=0 cellspacing=0  style="background:transparent"

Versione delle 20:12, 28 gen 2012

Home giardino La serra fredda Biodiversità
E' tra queste pagine un invito perchè anche chi è il meno provveduto di nozioni botaniche possa eseguire approcci conoscitivi nell'affascinante universo dei fiori, di queste creature viventi ricche di proprietà guaritrici, di profumi, di veleni e di mistero. Forme che paiono sortire dal sogno di un genio matematico e dal desiderio acceso di un artista, tanto ardui e precisi si mostrano i piani geometrici della loro struttura. Noi dobbiamo imparare a conoscerle per amarle meglio, per agevolarne la riproduzione, per facilitarne la diffusione senza distruggerne le condizioni di vita e di propagazione nel terreno. Con la nostra intelligenza, con la nostra sensibilità, costruiamoci un facile strumento di salvezza: l'educazione naturalistica, il rispetto cioè delle caratteristiche ambientali e morfologiche della vegetazione. Alcuni di coloro che vanno in montagna vogliono raccogliere fiori. Altrimenti perchè ci vanno? Così sui sentieri, sui crinali dei monti, sui prati e nei boschi si raccolgono fiori per amore del bello, per farne piccolo commercio, per erboristeria, per collezionismo, per poter dire che si è stati in montagna. C'è chi sfoga così il proprio oscuro bisogno di possesso e chi cerca di soddisfare altrettanto oscure esigenze estetiche. Naturalmente questa vocazione "naturalistica" è sbagliata e chi la possiede è bene che soddisfi i propri desideri andando a rifornirsi in un negozio di floricultura: creerà così lavoro in un settore altamente degno: la coltivazione dei fiori per la casa. Andar per boschi, valli o monti a mietere fiori significa al contrario produrre miserie paesaggistiche, distruzioni ambientali, creare spettacoli penosi di inciviltà, realizzare infine la scomparsa del fiore che un tempo si mostrava rigogliosamente a colonie, a schiere. Se poi intelligenza, educazione, autodisciplina, motivi e ragioni non bastano ad orientare le nostre volontà, allora c'è la legge che impone il rispetto anche a chi non vuole averne. Ricordiamo, in tale spirito e per tali intendimenti educativi, economici e sociali che la Costituzione italiana sancisce all'art. 9 la difesa del paesaggio quindi anche dei fiori che del paesaggio sono una preziosa componente. Salvatore Furia





RICORDARSI DI METTERE IN FONDO IL LINK A MAIRO PAVAN, IMPORTANTE NATURALISTA E AMICO DI PROF

Gli abitanti della Cittadella La ricordano così, con le Sue parole, che resteranno incancellabili nella nostra storia ed in quella del mondo.

Grazie, Prof. Pavan. Non potremo mai dimenticare la fraterna amicizia e la condivisione degli intenti con il nostro Presidente, il sincero sostegno con il quale ha accompagnato per tanti anni la nostra Istituzione ed il "burbero" affetto per i ragazzi del Campo dei Fiori.