Differenze tra le versioni di "Nobilis"

Da WikiBotanica.
(Immagini)
(Come si presenta)
 
Riga 56: Riga 56:
 
[[file:Hepatica.png|thumb|left|Morfologia del fiore (clicca per ingrandire)|300px]]
 
[[file:Hepatica.png|thumb|left|Morfologia del fiore (clicca per ingrandire)|300px]]
  
L' ''H.nobilis'' è una pianta perenne, provvista di un '''rizoma''' obliquo e scuro, dal quale fanno capolino numerosi fiori ancor prima che germoglino le foglie.  
+
L' ''H.nobilis'' è una pianta perenne, provvista di un [[Strutture vegetali#R|'''rizoma''']] obliquo e scuro, dal quale fanno capolino numerosi fiori ancor prima che germoglino le foglie.  
  
Gli '''steli''' fiorali, lievemente lanosi, sono alti da 5 a 15 cm, e ognuno, sulla sommità, porta un '''fiore''' solitario, che sboccia al di sopra di una piccola foglia caulina intera, simile a un calice. I fiori colpiscono subito per la loro bellezza: di larghezza variabile da 1,5 a 2,5 cm, ciascun fiore è formato da 6-8 petali (in questo caso ''tepali'' petaloidi) ellittici e tondi all'apice. Il colore è variabile, in funzione dell'esposizione e dell'insolazione, e può andare dal blu al porpora, dal celeste al bianco e talvolta anche al rosa.
+
Gli [[Strutture vegetali#S|'''steli''']] fiorali, lievemente lanosi, sono alti da 5 a 15 cm, e ognuno, sulla sommità, porta un '''fiore''' solitario, che sboccia al di sopra di una piccola foglia caulina intera, simile a un [[Strutture vegetali#C|calice]]. I fiori colpiscono subito per la loro bellezza: di larghezza variabile da 1,5 a 2,5 cm, ciascun fiore è formato da 6-8 petali (in questo caso [[Strutture vegetali#T|''tepali'']] petaloidi) ellittici e tondi all'apice. Il colore è variabile, in funzione dell'esposizione e dell'insolazione, e può andare dal blu al porpora, dal celeste al bianco e talvolta anche al rosa.
  
Tra i fiori fanno capolino anche le '''foglie''', che crescono durante o dopo la fioritura. Sono sorrette da un lungo picciolo e hanno una curiosa forma a cuore. Appena nate sono pelosette, ma man mano che raggiungono la maturazione diventano glabre, coriacee e di color verde scuro nella pagina superiore; la colorazione della pagina inferiore è invece differente, simile al colore del fegato (si spiega in questo modo il particolare appellativo "hepatica").
+
Tra i fiori fanno capolino anche le '''foglie''', che crescono durante o dopo la fioritura. Sono sorrette da un lungo [[Strutture vegetali#P|picciolo]] e hanno una curiosa forma a cuore. Appena nate sono pelosette, ma man mano che raggiungono la maturazione diventano glabre, coriacee e di color verde scuro nella pagina superiore; la colorazione della pagina inferiore è invece differente, simile al colore del fegato (si spiega in questo modo il particolare appellativo "hepatica").
  
 
Il '''frutto''' è composto da numerosi acheni non piumosi.
 
Il '''frutto''' è composto da numerosi acheni non piumosi.

Versione attuale delle 11:31, 3 mar 2013

Anemone hepatica
Anemone hepatica.jpg
Fiori di Anemone hepatica
Classificazione scientifica
Dominio: eucariota
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Ranunculales
Famiglia: Ranunculaceae
Genere: Hepatica
Specie: Hepatica nobilis
Nomenclatura binomiale
Hepatica nobilis
Mill
Nomenclatura trinomiale
Anemone hepatica
L.
Nomi comuni

Fegatella
Trifoglio epatico
Erba trinità


Hepatica nobilis (Mill.) - Anemone hepatica (L.)

Come si presenta

Morfologia del fiore (clicca per ingrandire)

L' H.nobilis è una pianta perenne, provvista di un rizoma obliquo e scuro, dal quale fanno capolino numerosi fiori ancor prima che germoglino le foglie.

Gli steli fiorali, lievemente lanosi, sono alti da 5 a 15 cm, e ognuno, sulla sommità, porta un fiore solitario, che sboccia al di sopra di una piccola foglia caulina intera, simile a un calice. I fiori colpiscono subito per la loro bellezza: di larghezza variabile da 1,5 a 2,5 cm, ciascun fiore è formato da 6-8 petali (in questo caso tepali petaloidi) ellittici e tondi all'apice. Il colore è variabile, in funzione dell'esposizione e dell'insolazione, e può andare dal blu al porpora, dal celeste al bianco e talvolta anche al rosa.

Tra i fiori fanno capolino anche le foglie, che crescono durante o dopo la fioritura. Sono sorrette da un lungo picciolo e hanno una curiosa forma a cuore. Appena nate sono pelosette, ma man mano che raggiungono la maturazione diventano glabre, coriacee e di color verde scuro nella pagina superiore; la colorazione della pagina inferiore è invece differente, simile al colore del fegato (si spiega in questo modo il particolare appellativo "hepatica").

Il frutto è composto da numerosi acheni non piumosi.

Habitat

E' diffusa nelle regioni fredde e temperate dell'Europa, dell'Asia e del Nord America. In Italia è comune trovarla nei sottoboschi montani e submontani delle Alpi e degli Appennini, sebbene viva agevolmente anche in luoghi freschi e sassosi, preferibilmente su terreni calcarei.


Fioritura

La pianta fiorisce da Marzo a Maggio.


Particolarità e curiosità

Avvertenza
Caduceo.png Le informazioni qui riportate non costituiscono nè provengono da prescrizione o da consiglio medico.

Questa pianticella era praticamente sconosciuta nell'Antichità e nel Medioevo. Nei secoli successivi -viene descritta per la prima volta nel XVI sec. - acquisì una discreta fama grazie alla forma e il colore delle sue foglie, secondo i botanici dell'epoca, vagamente assomigliante alla forma e al colore del fegato. Perciò, secondo la "teoria dei segni", era indicata per curare malattie al fegato.

L' Anemone epatica, se consumata fresca risulta altamente velenosa; durante l'essiccazione perde però le sue proprietà tossiche. Pertanto, una volta essiccata viene talvolta utilizzata come diuretico.

Per finire, è interessante spendere ancora due parole sul curioso comportamento dei fiori: quando piove, o al tramonto, infatti, questi si richiudono su se stessi inclinandosi verso terra. Inoltre la fioritura di ogni fiore dura circa 8 giorni, e durante questo periodo i petali raddoppiano la loro lunghezza iniziale.

NB: la specie è protetta in tutto il territorio della provincia di Varese con divieto assoluto di raccolta.

Immagini

Link

Per approfondire vi consigliamo di leggere la nostra Bibliografia

Torna alla famiglia Ranuncolaceae oppure torna all'elenco delle famiglie