Differenze tra le versioni di "Nobilis"

Da WikiBotanica.
(Creata pagina con '__NOTITLE__ {{Tassobox |colore=lightgreen |nome=Genziana |immagine=[[Immagine:]] |didascalia=Fiori di Genziana <!-- CLASSIFICAZIONE: --> |dominio=eucariota |regno=Plantae |s…')
 
Riga 2: Riga 2:
 
{{Tassobox
 
{{Tassobox
 
|colore=lightgreen  
 
|colore=lightgreen  
|nome=Genziana
+
|nome=Anemone hepatica
 
|immagine=[[Immagine:]]
 
|immagine=[[Immagine:]]
|didascalia=Fiori di Genziana
+
|didascalia=Fiori di Anemone hepatica
 
<!-- CLASSIFICAZIONE: -->
 
<!-- CLASSIFICAZIONE: -->
 
|dominio=eucariota
 
|dominio=eucariota
Riga 43: Riga 43:
 
|sinonimi?=
 
|sinonimi?=
 
|sinonimi=
 
|sinonimi=
|nomicomuni=Fegatella<br>Trifoglio epatico
+
|nomicomuni=Fegatella<br>Trifoglio epatico<br>Erba trinità
 
|suddivisione=
 
|suddivisione=
 
|suddivisione_testo=
 
|suddivisione_testo=
Riga 54: Riga 54:
  
 
===Come si presenta===
 
===Come si presenta===
 +
L' ''H.nobilis'' è una pianta perenne, provvista di un '''rizoma''' obliquo e scuro, dal quale fanno capolino numerosi fiori ancor prima che germoglino le foglie.
  
 +
Gli '''steli''' fiorali, lievemente lanosi, sono alti da 5 a 15 cm, e ognuno, sulla sommità, porta un '''fiore''' solitario, che sboccia al di sopra di una piccola foglia caulina intera, simile a un calice. I fiori colpiscono subito per la loro bellezza: di larghezza variabile da 1,5 a 2,5 cm, ciascun fiore è formano da 6-8 petali ellittici e tondi all'apice. Il colore è variabile, in funzione dell'esposizione e dell'insolazione, e può andare dal blu al porpora, dal celeste al bianco e talvolta anche al rosa.
 +
 +
Tra i fiori fanno capolino anche le '''foglie''', che crescono durante o dopo la fioritura. Sono sorrette da un lungo picciolo e hanno una curiosa forma a cuore. Appena nate sono pelosette, ma man mano che raggiungono la maturazione diventano glabre, coriacee e di color verde scuro nella pagina superiore; la colorazione della pagina inferiore è invece differente, simile al colore del fegato (si spiega in questo modo il particolare appellativo "hepatica").
 +
 +
Il '''frutto''' è composto da numerosi acheni non piumosi.
  
  
 
===Habitat===
 
===Habitat===
 +
E' diffusa nelle regioni fredde e temperate dell'Europa, dell'Asia e del Nord America. In Italia è comune trovarla nei sottoboschi montani e submontani delle Alpi e degli Appennini, sebbene viva agevolmente anche in luoghi freschi e sassosi, preferibilmente su terreni calcarei.
  
  
 +
===Fioritura===
 +
La pianta fiorisce da Marzo a Maggio.
  
===Fioritura===
 
  
 +
===Particolarità e curiosità===
 +
Questa pianticella era praticamente sconosciuta nell'Antichità e nel Medioevo. Nei secoli successivi -viene descritta per la prima volta nel XVI sec. - acquisì una discreta fama grazie alla forma e il colore delle sue foglie, secondo i botanici dell'epoca, vagamente assomigliante alla forma e al colore del fegato. Perciò, secondo la "teoria dei segni", era indicata per curare malattie al fegato.
  
 +
L' anemone epatica, se consumata fresa risulta altamente velenosa; durante l'essiccazione perde però le sue proprietà tossiche. Pertanto, una volta essiccata viene talvolta utilizzata come diuretico.
  
===Particolarità e curiosità===
+
Per finire, è interessante spendere ancora due parole sul curioso comportamento dei fiori: quando piove, o al tramonto, infatti, questi si richiudono su se stessi inclinandosi verso terra. Inoltre la fioritura di ogni fiore dura circa 8 giorni, e durante questo periodo i petali raddoppiano la loro lunghezza iniziale.
I
 
  
 
'''NB''': la specie è protetta in tutto il territorio della provincia di Varese con divieto assoluto di raccolta.
 
'''NB''': la specie è protetta in tutto il territorio della provincia di Varese con divieto assoluto di raccolta.

Versione delle 16:12, 31 dic 2010

Anemone hepatica
[[Immagine:]]
Fiori di Anemone hepatica
Classificazione scientifica
Dominio: eucariota
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Ranunculales
Famiglia: Ranunculaceae
Genere: Hepatica
Specie: Hepatica nobilis
Nomenclatura binomiale
Hepatica nobilis
Mill
Nomenclatura trinomiale
Anemone hepatica
L.
Nomi comuni

Fegatella
Trifoglio epatico
Erba trinità


Hepatica nobilis Mill. (Anemone hepatica L.)

Come si presenta

L' H.nobilis è una pianta perenne, provvista di un rizoma obliquo e scuro, dal quale fanno capolino numerosi fiori ancor prima che germoglino le foglie.

Gli steli fiorali, lievemente lanosi, sono alti da 5 a 15 cm, e ognuno, sulla sommità, porta un fiore solitario, che sboccia al di sopra di una piccola foglia caulina intera, simile a un calice. I fiori colpiscono subito per la loro bellezza: di larghezza variabile da 1,5 a 2,5 cm, ciascun fiore è formano da 6-8 petali ellittici e tondi all'apice. Il colore è variabile, in funzione dell'esposizione e dell'insolazione, e può andare dal blu al porpora, dal celeste al bianco e talvolta anche al rosa.

Tra i fiori fanno capolino anche le foglie, che crescono durante o dopo la fioritura. Sono sorrette da un lungo picciolo e hanno una curiosa forma a cuore. Appena nate sono pelosette, ma man mano che raggiungono la maturazione diventano glabre, coriacee e di color verde scuro nella pagina superiore; la colorazione della pagina inferiore è invece differente, simile al colore del fegato (si spiega in questo modo il particolare appellativo "hepatica").

Il frutto è composto da numerosi acheni non piumosi.


Habitat

E' diffusa nelle regioni fredde e temperate dell'Europa, dell'Asia e del Nord America. In Italia è comune trovarla nei sottoboschi montani e submontani delle Alpi e degli Appennini, sebbene viva agevolmente anche in luoghi freschi e sassosi, preferibilmente su terreni calcarei.


Fioritura

La pianta fiorisce da Marzo a Maggio.


Particolarità e curiosità

Questa pianticella era praticamente sconosciuta nell'Antichità e nel Medioevo. Nei secoli successivi -viene descritta per la prima volta nel XVI sec. - acquisì una discreta fama grazie alla forma e il colore delle sue foglie, secondo i botanici dell'epoca, vagamente assomigliante alla forma e al colore del fegato. Perciò, secondo la "teoria dei segni", era indicata per curare malattie al fegato.

L' anemone epatica, se consumata fresa risulta altamente velenosa; durante l'essiccazione perde però le sue proprietà tossiche. Pertanto, una volta essiccata viene talvolta utilizzata come diuretico.

Per finire, è interessante spendere ancora due parole sul curioso comportamento dei fiori: quando piove, o al tramonto, infatti, questi si richiudono su se stessi inclinandosi verso terra. Inoltre la fioritura di ogni fiore dura circa 8 giorni, e durante questo periodo i petali raddoppiano la loro lunghezza iniziale.

NB: la specie è protetta in tutto il territorio della provincia di Varese con divieto assoluto di raccolta.

Link

Torna alla famiglia ranuncolaceae oppure torna all'elenco delle famiglie