Differenze tra le versioni di "Mezereum"

Da WikiBotanica.
(Particolarità e curiosità)
Riga 11: Riga 11:
 
<!-- PER LE PIANTE: -->
 
<!-- PER LE PIANTE: -->
 
|superdivisione=
 
|superdivisione=
|divisione=[[Magnoliophyta]]
+
|divisione=Magnoliophyta
 
|sottodivisione=
 
|sottodivisione=
  
 
<!-- PER TUTTI: -->
 
<!-- PER TUTTI: -->
 
|superclasse=
 
|superclasse=
|classe=[[Magnoliopsida]]
+
|classe=Magnoliopsida
 
|sottoclasse=
 
|sottoclasse=
 
|infraclasse=
 
|infraclasse=

Versione delle 14:58, 2 set 2012

Daphne mezereum


Classificazione scientifica
Dominio: eucariota
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Myrtales
Famiglia: Thymelaeaceae
Genere: Daphne
Specie: mezereum
Nomenclatura binomiale
Daphne mezereum
L.


Daphne mezereum (L.)

Come si presenta

E' pianta arbustiva, eretta, ramosa, alta da 30 a 120 cm. con la corteccia cosparsa di grinze e piccole verruche. I fiori sessili, di colore rosa tenero, sono disposti a gruppi di 3 nella parte superiore del fusto, spuntano prima delle foglie ed emanano un delicato e persistente profumo. In seguito le foglie membranose, a corto picciolo e caduche, dalla forma oblungo-lanceolata, lunghe da 3 a 8 cm. verde grigio nella pagina inferiore e verde vivace nella pagina superiore, formeranno assembramenti a rosette sulla sommità del fusto. Il frutto è una drupa rotonda di colore rosso vivo.

Habitat

Originaria dell'Europa e dell'Asia, cresce tra i faggi, sparsa nei boschi di latifoglie e nei prati, sulle rupi cespugliate, lungo il greto dei torrenti. Predilige il suolo calcareo

Fioritura

Da febbraio ad aprile e talvolta sino a maggio

Particolarità e curiosità

Avvertenza
Caduceo.png Le informazioni qui riportate non costituiscono nè provengono da prescrizione o da consiglio medico.

E' specie fortemente tossica in ogni sua parte Conosciuta dagli albori della storia per le sue proprietà medicinali. La corteccia contiene la "mezereina". Poche drupe, se ingerite, possono provocare la morte di un uomo.

Immagini

Link

Per approfondire vi consigliamo di leggere la nostra Bibliografia

Torna alla famiglia Thymelaeaceae oppure torna all'elenco delle famiglie