Differenze tra le versioni di "Dioica"

Da WikiBotanica.
(Link)
Riga 94: Riga 94:
  
 
Torna alla famiglia [[...]] oppure torna all'[[Famiglie botaniche|elenco delle famiglie]]
 
Torna alla famiglia [[...]] oppure torna all'[[Famiglie botaniche|elenco delle famiglie]]
 +
 +
{{Strutture vegetali}}

Versione delle 13:17, 15 gen 2012

Template:Header

'


Classificazione scientifica
Dominio: eucariota
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Caryophyllales
Famiglia: Caryophyllaceae
Genere: Silene
Specie: dioica
Nomenclatura binomiale
Silene dioica
L.
Nomi comuni

Licnide, Gittaione rosso o delle macchie


Silene dioica (L.)

Come si presenta

La S. dioica ha una radice di tipo fittonante.

Il fragile fusto è ascendente ed è lievemente peloso. Le foglie, anch'esse pelose, sono di forma lanceolata o ovale. Quelle inferiori hanno un picciolo di 4-6 cm circa e sono spatolate, lunghe circa 8 cm e larghe 4. Le foglie superiori, più piccole, sono sessili. I fiori, caratterizzati da un bel colore rosa, hanno un calice fusiforme di colore viola-rossastro, largo 4 mm e lungo circa 10-15 mm. I 5 petali sono profondamente bilobati.

Habitat

La S. dioica è presente in quasi tutta Italia (a parte la Puglia e le isole) tra i 400 e 2300 m sul livello del mare. Si trova ai margini dei boschi e in prati concimati.

Fioritura

Da giugno ad agosto.

Particolarità e curiosità

Il nome dioica viene dal fatto che la S. dioica ha i fiori unisessuali, quindi una pianta ha o solo fiori maschili o solo fiori femminili. Il nome Silene, invece, viene dal nome di Sileno, compagno di Bacco (Dioniso), che aveva la pancia rigonfia, come il calice delle piante del genere Silene.

Facendo bollire la radice di S. dionica si può ricavare una sorta di sapone.

Immagini



Link

Torna alla famiglia ... oppure torna all'elenco delle famiglie