Differenze tra le versioni di "Dens-canis"

Da WikiBotanica.
Jump to navigation Jump to search
 
(27 versioni intermedie di 5 utenti non mostrate)
Riga 3: Riga 3:
 
|colore=lightgreen  
 
|colore=lightgreen  
 
|nome= Erythrorium dens-canis
 
|nome= Erythrorium dens-canis
|immagine=[[Immagine:Allium_carinatum.jpg|200px]]
+
|immagine=[[Immagine:Eritronium dens Canis (1).JPG|200px]]
 
|didascalia=
 
|didascalia=
 
<!-- CLASSIFICAZIONE: -->
 
<!-- CLASSIFICAZIONE: -->
Riga 37: Riga 37:
 
|bidata=
 
|bidata=
 
<!-- NOMENCLATURA TRINOMIALE: -->
 
<!-- NOMENCLATURA TRINOMIALE: -->
|triautore=
+
|triautore=Miller
|trinome=
+
|trinome=Erythronium longifolium
 
|tridata=
 
|tridata=
 
<!-- ALTRO: -->
 
<!-- ALTRO: -->
Riga 54: Riga 54:
  
 
===Come si presenta===
 
===Come si presenta===
===Come si presenta===
 
L' ''E. dens-canis'' è una curiosa pianticella bulbosa erbacea tipica dei nostri sottoboschi.
 
  
Il '''fusto''' si può suddividere in una parte ipogea ed in una epigea.
+
[[File:Eritronium dens Canis anatomia.jpg|200px|thumb|left|Morfologia del fiore (clicca per ingrandire)]]
La parte ipogea del fusto è rappresentata da un bulbo fusiforme che può raggiungere anche i 30mm di lunghezza; esso si presenta di colore bianco ceroso per arrossarsi all'apice. Il fusto ipogeo si continua in uno scapo eretto (particolarmente pronunciato quando la pianta è in fiore): il fusto epigeo. Quest'ultimo tende ad incurvarsi in alto proprio per la presenza del fiore all'apice che appesantisce la struttura.
 
  
 +
L' ''Erythrorium dens-canis'' è una curiosa pianticella erbacea, bulbosa, perenne tipica dei sottoboschi di latifoglie.
  
Le '''foglie''' prendono origine quasi immediatamente dalla base del fusto epigeo, sono di norma due in numero e si presentano di forma lanceolata e di colore glauco (ovvero colore grigio-verde che si presenta sulla superficie di alcuni organi vegetali se avvolti da una patina cerosa) fittamente rivestite da macchie purpuree.
+
Il [[Strutture vegetali#F|'''fusto''']] si può suddividere in una parte ipogea ed in una parte epigea.
 +
La parte ipogea del fusto è rappresentata da un [[Strutture vegetali#B|''bulbo'']] fusiforme che può raggiungere anche i 30mm di lunghezza; si presenta di colore bianco ceroso che, arrossato all'attacco del fusto vero e proprio. Il bulbo si trasforma poi in uno [[Strutture vegetali#S|scapo]] eretto, che, nel periodo della fioritura tende ad incurvarsi sulla sommità.
  
 +
Le '''foglie''' prendono origine quasi immediatamente dalla base del fusto; sono di norma due, dalla forma lanceolata e di colore glauco (quel colore grigio-verde che si presenta sulla superficie di alcuni organi vegetali se avvolti da una patina cerosa). Sono facilmente riconoscibili per via delle macchie purpuree che rivestono la loro pagina superiore.
  
Le foglie non sono le uniche strutture ad caratterizzare questa pianticella: il '''fiore''', unico, in genere, presenta a sua volta cartteristiche molto curiose. Esso si presenta di colore rosa, a volte tendente al bianco, ed è costituito da sei tepali (ricordiamo che i tepali sono foglie modificate che sostituicono petali e sepali nel perigonio, l'involucro fiorale) rivoltati all'indietro, come se fossero ribattuti dal vento (in modo analogo al [[Europaeum o purpurescens|''C. purpurescens'']]). Le strutture riproduttive del fiore, che si presenta ermafrodita, sono le antere (struttura riproduttiva maschile), in numero sette, che si manifestano di colore violaceo scuro e lo stigma, che si trova allo sommità di uno stilo, trifido, poco più alto delle antere (per favorire l'impollinazione incrociata), di colore bianco-rosato.
+
Le foglie non sono le uniche strutture che contribuiscono a caratterizzare questa pianticella: il '''fiore''', unico, in genere, si distingue a sua volta per alcune caratteristiche molto curiose. Si presenta di colore rosa, a volte tendente al bianco, ed è costituito da sei [[Strutture vegetali#T|tepali]] rivoltati all'indietro, come se fossero ribattuti dal vento (in modo analogo al [[Europaeum o purpurescens|''Ciclamen purpurescens'']]). Le strutture riproduttive del fiore, che si presenta ermafrodita, sono le [[Strutture vegetali#A|antere]], solitamente sette di colore violaceo scuro e lo [[Strutture vegetali#S|stigma]], che fa capolino alla sommità di uno [[Strutture vegetali#S|stilo]]; lo stigma è trifido, di colore bianco-rosato, in genere poco più alto delle [[Strutture vegetali#A|antere]] in modo da favorire l'impollinazione incrociata. Non di rado la lunghezza reciproca tra stigma e stilo è invertita: ovvero stigmi più lunghi dello stilo.
  
 
+
Una volta fecondato, il fiore matura in un '''frutto''' che si manifesta come una capsula ovoidale lobata contenente numerosi semi.
Una volta fecondato, il fiore matura in una capsula ovoidale lobata contenente numerosi semi.
 
  
 
===Habitat===
 
===Habitat===
 
+
La pianta sembra essere indifferente alla tipologia di substrato. Tuttavia la si trova principalmente in associazione con diverse specie arboree quali Carpino, Castagno, Faggio. Esige medie quantità di acqua nel sottosuolo.
  
 
===Fioritura===
 
===Fioritura===
 
+
Questa piccola pianta fiorisce nel periodo primaverile, tra Marzo e Maggio.
  
 
===Particolarità e curiosità===
 
===Particolarità e curiosità===
 
{{avvertenze}}
 
{{avvertenze}}
 +
Il nome del genere ''Erythrorium'' è giustificato dal colore del fiore che, di norma, è rosato (deriva, infatti, dal greco ''Erythros'' che significa ''rosso''); il nome che caratterizza la specie, ovvero ''dens-canis'', ha una etimologia ben diversa, derivante dal latino, ma molto semplice: il bulbo a forma allungata ricorda il dente di un cane.
 +
 +
Nonostante non siano note particolari proprietà farmacologiche e curative della pianta essa è una pianta commestibile, che può essere consumata a crudo, insieme ad altre essenze, o lessata. Quest' ultimo tipo di procedimento viene utilizzato soprattutto in Mongolia e in Siberia, dove la pianta viene cotta nel latte di renna. I giapponesi invece, dai bulbi, estraggono dell'amido per farne delle paste alimentari simili ai vermicelli.
 +
 +
Non si conoscono usi in cosmetica per questa specie, che può  anche causare dermatiti da contatto.
  
 +
A questo genere appartengono tante specie provenienti dall'America Settentrionale, usate in giardinaggio per via dei fiori molto decorativi, da cui sono state poi create molte piante ibride da coltivazione. Non a caso la pianta era usata in Europa come pianta da giardino a causa delle sue splendide fioriture sin dal XVI secolo prima del sopravvento delle specie americane.
  
 +
In Italia è considerata specie rara mentre in nord Europa è molto più diffusa.
  
 
===Immagini===
 
===Immagini===
 
<center>
 
<center>
<gallery caption="Particolari fiori" widths="130px" heights="100px" perrow="5" align=center style= "color: darkslategray;background:#f5fff8;font-family:garamond;font-size:1.2em;font-weight: normal;text-align:left;font-style: italic;letter-spacing: 1px;border:10px double lightgray;  border-top-right-radius:.8em; border-top-left-radius:.8em; border-bottom-left-radius:.8em; border-bottom-right-radius:.8em; cellspacing= 30px;padding: 20px 20px 30px 20px;">
+
<gallery caption="Particolari pianta e fiori" widths="130px" heights="100px" perrow="5" align=center style= "color: darkslategray;background:#f5fff8;font-family:garamond;font-size:1.2em;font-weight: normal;text-align:left;font-style: italic;letter-spacing: 1px;border:10px double lightgray;  border-top-right-radius:.8em; border-top-left-radius:.8em; border-bottom-left-radius:.8em; border-bottom-right-radius:.8em; cellspacing= 30px;padding: 20px 20px 30px 20px;">
 +
 
 +
 
 +
 
 +
image:Eritronium dens Canis (4).jpg
 +
image:Eritronium.jpg
 +
image:Eritronium dens Canis (11).jpg
 +
image:Eritronium dens Canis.JPG
 +
image:Eritronium dens Canis (12).JPG
 +
image:Dente di cane.JPG
 +
image:Eritronium dens Canis (2).JPG
 +
image:Eritronium dens Canis (3).JPG
 +
image:Eritronium dens Canis (5).JPG
 +
image:Eritronium dens Canis (6).JPG
 +
image:Eritronium dens Canis (7).JPG
 +
image:Eritronium dens Canis (8).JPG
 +
 
  
image:
 
image:
 
image:
 
image:
 
  
 
</gallery>
 
</gallery>

Versione attuale delle 11:21, 9 ott 2016

Erythrorium dens-canis
Eritronium dens Canis (1).JPG
Classificazione scientifica
Dominio: eucariota
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Liliopsida
Ordine: Liliales
Famiglia: Liliaceae
Genere: Erythrorium
Specie: dens-canis
Nomenclatura binomiale
Erythrorium dens-canis
L.
Nomenclatura trinomiale
Erythronium longifolium
Miller
Nomi comuni

Dente di cane


Erythrorium dens-canis (L.)

Come si presenta

Morfologia del fiore (clicca per ingrandire)

L' Erythrorium dens-canis è una curiosa pianticella erbacea, bulbosa, perenne tipica dei sottoboschi di latifoglie.

Il fusto si può suddividere in una parte ipogea ed in una parte epigea. La parte ipogea del fusto è rappresentata da un bulbo fusiforme che può raggiungere anche i 30mm di lunghezza; si presenta di colore bianco ceroso che, arrossato all'attacco del fusto vero e proprio. Il bulbo si trasforma poi in uno scapo eretto, che, nel periodo della fioritura tende ad incurvarsi sulla sommità.

Le foglie prendono origine quasi immediatamente dalla base del fusto; sono di norma due, dalla forma lanceolata e di colore glauco (quel colore grigio-verde che si presenta sulla superficie di alcuni organi vegetali se avvolti da una patina cerosa). Sono facilmente riconoscibili per via delle macchie purpuree che rivestono la loro pagina superiore.

Le foglie non sono le uniche strutture che contribuiscono a caratterizzare questa pianticella: il fiore, unico, in genere, si distingue a sua volta per alcune caratteristiche molto curiose. Si presenta di colore rosa, a volte tendente al bianco, ed è costituito da sei tepali rivoltati all'indietro, come se fossero ribattuti dal vento (in modo analogo al Ciclamen purpurescens). Le strutture riproduttive del fiore, che si presenta ermafrodita, sono le antere, solitamente sette di colore violaceo scuro e lo stigma, che fa capolino alla sommità di uno stilo; lo stigma è trifido, di colore bianco-rosato, in genere poco più alto delle antere in modo da favorire l'impollinazione incrociata. Non di rado la lunghezza reciproca tra stigma e stilo è invertita: ovvero stigmi più lunghi dello stilo.

Una volta fecondato, il fiore matura in un frutto che si manifesta come una capsula ovoidale lobata contenente numerosi semi.

Habitat

La pianta sembra essere indifferente alla tipologia di substrato. Tuttavia la si trova principalmente in associazione con diverse specie arboree quali Carpino, Castagno, Faggio. Esige medie quantità di acqua nel sottosuolo.

Fioritura

Questa piccola pianta fiorisce nel periodo primaverile, tra Marzo e Maggio.

Particolarità e curiosità

Avvertenza
Caduceo.png Le informazioni qui riportate non costituiscono nè provengono da prescrizione o da consiglio medico.

Il nome del genere Erythrorium è giustificato dal colore del fiore che, di norma, è rosato (deriva, infatti, dal greco Erythros che significa rosso); il nome che caratterizza la specie, ovvero dens-canis, ha una etimologia ben diversa, derivante dal latino, ma molto semplice: il bulbo a forma allungata ricorda il dente di un cane.

Nonostante non siano note particolari proprietà farmacologiche e curative della pianta essa è una pianta commestibile, che può essere consumata a crudo, insieme ad altre essenze, o lessata. Quest' ultimo tipo di procedimento viene utilizzato soprattutto in Mongolia e in Siberia, dove la pianta viene cotta nel latte di renna. I giapponesi invece, dai bulbi, estraggono dell'amido per farne delle paste alimentari simili ai vermicelli.

Non si conoscono usi in cosmetica per questa specie, che può anche causare dermatiti da contatto.

A questo genere appartengono tante specie provenienti dall'America Settentrionale, usate in giardinaggio per via dei fiori molto decorativi, da cui sono state poi create molte piante ibride da coltivazione. Non a caso la pianta era usata in Europa come pianta da giardino a causa delle sue splendide fioriture sin dal XVI secolo prima del sopravvento delle specie americane.

In Italia è considerata specie rara mentre in nord Europa è molto più diffusa.

Immagini

Link

Per approfondire vi consigliamo di leggere la nostra Bibliografia

Torna alla famiglia Liliaceae oppure torna all'elenco delle famiglie