Differenze tra le versioni di "Cava"

Da WikiBotanica.
Jump to navigation Jump to search
Riga 77: Riga 77:
 
Questa pianta viene utilizzata come ornamento di rocce e muri. Inoltre non richiede molte cure in quanto si riseminano spontaneamente anche se il suo polline è autosterile e impedisce l'autoimpollinazione.  
 
Questa pianta viene utilizzata come ornamento di rocce e muri. Inoltre non richiede molte cure in quanto si riseminano spontaneamente anche se il suo polline è autosterile e impedisce l'autoimpollinazione.  
  
Grazie alla presenza di numerose sostanze dette alcaloidi presenti nelle radici e nel bulbo la pianta viene classificata come velenosa e può provocare epilessia, allucinazioni e arresto cardiaco se assunta in alte concentrazioni. Ma, con i giusti dosaggi, può anche essere utilizzata in campo medico e sopratutto nella medicina nordica come antidolorifico,antibatterico, antisettico , antispasmodico e in quella popolare come sedativo. Di recente è stata studiata per il trattamento del morbo di Parkinson.
+
Grazie alla presenza di numerose sostanze dette alcaloidi presenti nelle radici e nel bulbo la pianta viene classificata come velenosa e può provocare epilessia,catalessia, allucinazioni e arresto cardiaco se assunta in alte concentrazioni. Ma, con i giusti dosaggi, può anche essere utilizzata in campo medico e sopratutto nella medicina nordica come antidolorifico,antibatterico, antisettico , antispasmodico e in quella popolare come sedativo. Di recente è stata studiata per il trattamento del morbo di Parkinson.
  
 
===Immagini===
 
===Immagini===

Versione delle 12:21, 4 nov 2012

Colombina cava


Classificazione scientifica
Dominio: eucariota
Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Papaverales
Famiglia: Fumariaceae
Genere: Corydalis
Specie: C. cava
Nomenclatura binomiale
Corydalis cava
L.
Nomi comuni

Colombina Maggiore


Corydalis cava (L.)

Come si presenta

La Corydalis cava detta comunemente Colombina cava è una pianta erbacea perenne.

Presenta da in tutto da 5 a 7 foglie, 3-4 alla base di forma ellittica, con estremità appuntite più altre 2 stiliforme con dimensioni di 7-16 × 22-35 mm, presentano incisioni fino alla nervatura ed entrambe le tipologie sono di un colore verde oliva. Inoltre sono presenti delle foglie brattee cioè che racchiudono il bocciolo prima della fioritura.

Il fusto è retto, con leggere sfumature biancastre in rari casi ma essenzialmente liscio e senza peli il quale può raggiungere anche i 35 cm di lunghezza e parte dal bulbo presente nel sottosuolo il quale è quasi del tutto privo di radici.

La cosa che colpisce di più sono però i numerosi fiori infatti possono essere in numero superiore a 20 della corolla separati con vivaci tonalità rosate e più raramente bianche per ognuno dei 4 petali con il bordo superiore prolungato posteriormente a formare uno sperone ricurvo nella parte terminale. Le dimensioni possono variare da 19 ai 25 mm.

Il frutto è una capsula lineare che contiene diversi semi con dimensioni che variano da 3 a 4 mm per la larghezza e da 15 a 20 mm per la lunghezza.

Habitat

Questa pianta, originaria dell'Europa orientale, si può trovare dalla pianura fino ai 1000 metri, preferisce le zone collinari fresche e luminose delle radure dei boschi di quercia-carpino ma si può trovare anche nei prati, nei boschi di latifoglie e fra le siepi.

Fioritura

il periodo di fioritura va da inizio Marzo a fine Maggio.

Particolarità e curiosità

Avvertenza
Caduceo.png Le informazioni qui riportate non costituiscono nè provengono da prescrizione o da consiglio medico.

L'etimologia del nome viene dal greco dove Korydalis significa allodola coronata a riferimento dello sperone dei suoi fiori molto somiglianti alle dita dell'allodola. Invece il nome specifico deriva dalla particolarità del suo bulbo di essere cavo. Un altro nome comune è Colombina maggiore

Questa pianta viene utilizzata come ornamento di rocce e muri. Inoltre non richiede molte cure in quanto si riseminano spontaneamente anche se il suo polline è autosterile e impedisce l'autoimpollinazione.

Grazie alla presenza di numerose sostanze dette alcaloidi presenti nelle radici e nel bulbo la pianta viene classificata come velenosa e può provocare epilessia,catalessia, allucinazioni e arresto cardiaco se assunta in alte concentrazioni. Ma, con i giusti dosaggi, può anche essere utilizzata in campo medico e sopratutto nella medicina nordica come antidolorifico,antibatterico, antisettico , antispasmodico e in quella popolare come sedativo. Di recente è stata studiata per il trattamento del morbo di Parkinson.

Immagini

Link

Per approfondire vi consigliamo di leggere la nostra Bibliografia

Torna alla famiglia Fumariaceae oppure torna all'elenco delle famiglie